NotiziePillole fotografiche

#11 Scatto

La prova di maturità si avvicina… e noi vogliamo incoraggiare tutti gli studenti con un super in bocca al lupo per l’imminente sfida, “unica” anche per ragioni che esulano dal percorso scolastico!!!

Lo studio “matto e disperatissimo”, le notti agitate, l’ansia da prestazione, la paura di dimenticare, la febbrile attesa, il volto concentrato dei commissari, infine, quel senso di liberazione che finalmente ti invade, quell’ebbrezza di libertà conquistata e assaporata…

Eh già ci siamo passati e altri ci sono passati prima di noi, come lo attestano le foto di rito, un rito che, quest’anno,  si svolge con modalità diverse.

Nel 1910, i maturandi del Dante Alighieri, il liceo più antico della città, fondato nel 1863, sono immortalati col prof. Augusto Sergio Bienenfeld nella foto scattata dal fotografo Francesco Penco che, già nel 1906, aveva chiesto il permesso al Comune “di fotografare nelle scuole normali gruppi di allievi”. Con l’avvento della Prima guerra mondiale il professore Bienenfeld fugge in Italia per combattere contro l’Austria assumendo il nome di Sergio Gradenigo. La dignità della posa e l’attenzione all’obiettivo del fotografo sono ricorrenti qui come in altri scatti coevi conservati in archivio.

Francesco Penco, Maturandi Dante Alighieri col prof. Augusto Bienenfeld (Sergio Gradenigo), 1910, F8239

Così nella foto dei giovani diplomati del Ginnasio Liceo Dante Alighieri, nel 1914. Qui i ragazzi eleganti sono immortalati con il professore Guido Corsi e il preside Baccio Ziliotto. Hanno superato una prova ma purtroppo una molto più dura li attende. Guido Corsi, come l’amico Sergio Gradenigo, combatterà tra le fila italiane e cadrà sulla Cima Valderoa, il 13 dicembre 1917. La Fototeca conserva il fondo Corsi che consta di 110 fotografie, donate dalla madre Angiolina Talkner, che documentano la figura del giovane professore.

Gruppo di studenti del Liceo Dante Alighieri diplomati nel 1914 con il professore Guido Corsi e il preside Baccio Ziliotto, 1914, F6935

Quest’anno l’esame sarà solo orale a causa della pandemia e per questa ragione proponiamo una foto tratta dall’archivio de Rota che risale ai primissimi anni Cinquanta.

Riscontriamo che, mentre il maturando è interrogato da un membro della Commissione, il clima circostante non sembra così teso e i presenti si distraggono in altre conversazioni.

Quasi nessuno presta attenzione al fotografo che scatta la foto, tranne un adulto in piedi che sbuca sul lato destro e un maturando che, incuriosito da de Rota, volge la testa indietro.

Adriano de Rota, Esame di maturità, !948-1952, RO 3532_001

Ma i fotografi sono coinvolti anche in uno dei riti scolastici che caratterizza i giorni che precedono gli esami ovvero le cene di fine anno con i professori. Giornalfoto descrive il clima festoso delle alunne del Carducci negli anni Cinquanta.

GFNP002272_009
GFNP002272_018

Giornalfoto, Cena di maturità delle studentesse del Carducci, Anni Cinquanta

Ulteriori approfondimenti:

E se vi siete persi le pillole precedenti potete recuperarle nella sezione: