Scheda 2 – Porto di Kobe con l’insediamento straniero

Porto di Kobe con l’insediamento straniero

Viaggiata dal Giappone (Yokohama) all'Austria-Ungheria (Trieste) il 27 giugno 1900
Viaggiata dal Giappone (Yokohama) all’Austria-Ungheria (Trieste) il 27 giugno 1900

Viaggiata dal Giappone (Kobe) all’Austria-Ungheria (Trieste) il 5 aprile 1900
Collotipia colorata a mano, dorso unito, 14,2×9,2 cm
Editore: Posta Giapponese
CMSA Fototeca, inv. F190994

Panorama del porto di Kobe visto dal mare con l’insediamento straniero di Kitano e, dietro lo stretto litorale su cui si estende l’abitato, i monti Rokko. Kobe era stata una delle prime città a iniziare i commerci con l’Occidente, con l’apertura del suo porto il giorno di Capodanno del 1868. Molti stranieri cominciarono ad arrivarvi, molti erano cinesi che si stabilirono nella zona chiamata Nankinmachi, ancor oggi la seconda chinatown più estesa del Giappone dopo quella di Yokohama; gli occidentali si stabilirono invece nel quartiere di Kitano, su una collina ai piedi dei monti. L’immagine, opportunamente tagliata e colorata, deriva da una fotografia all’albumina nella sua tipica tonalità bruna, di autore e data sconosciuti, consultabile sul database dell’Università di Nagasaki (http://oldphoto.lb.nagasaki-u.ac.jp/unive/target.php?id=5669).